torino

Torino in un giorno: l’itinerario perfetto.

Partiamo subito dal principio che visitare Torino in un giorno è molto semplice perché tutti i monumenti e le piazze principali sono concentrate nel centro storico della città.

Quindi se siete di passaggio e cercavate dei consigli su cosa vedere in poco tempo vi propongo due itinerari alternativi da percorrere sia a piedi che in tram.

Il primo è dedicato a chi vuole vistare anche il Museo Egizio, l’altro per chi ha deciso di visitare il anche Museo del Cinema. Entrambi comprendono un bel giro per la città, delle piazze e dei maggiori luoghi d’interesse.

Cominciamo!

Mattina

I Caffè storici di Torino

caffè-al-bicerin-torino

Non si può iniziare la giornata senza una tazzina di caffè e una lauta colazione in uno dei tipici caffè storici di Torino.

Avete l’imbarazzo della scelta:

  • i più antichi: Al Bicerin (Piazza della Consolata) e Fiorio (Via Po);
  • i più eleganti: Baratti e Milano (Piazza Castello), San Carlo e Caffè Torino (Piazza San Carlo);
  • i più letterari: Platti (Corso Vittorio Emanuele II) e Caffè Elena (Piazza Vittorio Veneto)
  • i più golosi: Stratta (Piazza San Carlo), Mulassano (Piazza Castello) e la Pasticceria Ghigo (Via Po).

Ognuno di essi ha una storia che vale la pena conoscere. Se volete saperne di più, leggete l’approfondimento sui caffè storici di Torino.

Personalmente, vi consiglio di scegliere di fare colazione nel caffè storico più vicino al posto dove soggiornate, in modo da non perdere tempo prezioso negli spostamenti.

Piazza Castello

piazza-castello-torino

Comincerei il nostro Tour da Piazza Castello, ovvero il cuore della città.

Guardandoti attorno, potrai vedere:

  • Palazzo Reale e i suoi magnifici giardini reali superiori (visitabili gratuitamente);
  • Palazzo Madama;
  • la Chiesa di San Lorenzo (la cui particolarità è la facciata nascosta);
  • il Teatro Regio.

Tutti si affacciano sulla piazza dove è anche possibile vedere due luoghi tanto cari agli estimatori della Torino esoterica:

  • il punto di incontro delle linee della magia bianca di Torino, esattamente all’entrata di palazzo reale;
  • il celebre mignolo di Colombo, in un altorilievo sotto i portici della piazza.

Scavalcare il primo e toccare il secondo porterebbe fortuna. Io, per non sbagliare, proverei!

Dalla piazza, imboccando via Roma, la più famosa via dello shopping a Torino, arriviamo in Piazza San Carlo: considerato il salotto di Torino.

Qui, si affacciano alcuni caffè storici di Torino, come il Caffè Torino, il Caffé San Carlo, Stratta, e le boutique tra più esclusive della città.

Le due chiese gemelle di Piazza San Carlo e i portici laterali contribuiscono alla simmetria e all’eleganza della piazza.

Inoltre, sul selciato proprio sotto i portici, è nascosto uno dei tanti simboli della Torino magica: il toro di bronzo di Piazza San Carlo.

Duomo di Torino

mole-torino

Al Duomo ci si arriva a piedi da Piazza Castello, attraverso un passaggio quasi nascosto sul lato sinistro della Piazzetta Reale (quella subito di fronte al portone di Palazzo Reale).

Luogo in cui è conservata la Sacra Sindone, vale la pena di essere visitato soprattutto per la Cappella della Sindone, sormontata dalla cupola del Guarini, riaperta al pubblico dopo vent’anni di restauri. Un vero gioiello!

Torino Romana

porte-palatine-torino

I resti del teatro dell’antica Augusta Taurinorum (la Torino romana) si trovano di fianco il Duomo (protetti da una cancellata metallica).

Meno nascosta è la Porta Palatina, l’antica porta d’ingresso alla città, incorniciata da due alte torri. Raggiungetela per provare l’emozione di entrare e uscire dall’antica Torino, come facevano i cittadini di Augusta Taurinorum. A me piace farlo!

Pranzo

Quadrilatero

pizza-al-tegamino-torino

Tra giri, visite e fotografie è arrivato il momento di pranzare, e se avete seguito il mio itinerario vi trovate nel Quadrilatero di Torino.

Non c’è posto migliore per una pizza al tegamino o un pasto in una delle tipiche piole torinesi.

Fatevi inspirare dall’istinto (è anche questo il bello di un viaggio, no?) ma, se l’audacia l’avete lasciata in albergo, qui trovate i miei consigli su dove mangiare a Torino.

Piazza Palazzo di Città e Via Garibaldi

via-garibaldi-torino

Per tornare in Piazza Castello potete passare da Piazza Palazzo di Città, antica Piazza delle Erbe – ora sede del Municipio – e proseguite in via Garibaldi, l’altra via dello shopping.

Davanti a voi scorgete le statue della facciata barocca di Palazzo Madama, in uno scorcio suggestivo che si aprirà a 360 gradi quando arriverete in Piazza Castello.

Adesso è tempo di decidere se visitare Il Museo Egizio oppure Il Museo del Cinema.

Sera

Apericena o Cena a Torino

cenare-a-torino

Non potete andare via senza aver fatto apericena a Torino, è un must! Da qualche anno, ormai, è possibile persino fare apericena sul tram storico. Anche alcune panetterie si sono adeguate creandone ad hoc.

Se volete qualche dritta, date un’occhiata ai miei consigli su dove mangiare a Torino.

Dopo Cena a Torino

Non avete ancora voglia di tornarvene in albergo? Vi capisco!

Per fortuna trovare cosa fare la sera a Torino non è così difficile.

Eccovi due alternative:

monte-cappuccini-torino

  • il Monte dei Cappuccini, la cui chiesa svetta sulla collina, raggiungile a piedi, dopo una salita di quindici minuti, oppure in bus (da Piazza Gran Madre con il bus 53, fermata Cappuccini). Lì, vi potrete affacciarvi dal balcone più bello di Torino. La vista da qui è magnifica quindi tenetevi un po’ di spazio nella memoria della vostra fotocamera per fare delle foto della città da una prospettiva unica. Facilmente, sarà questa l’immagine di Torino che vi porterete nel cuore.
  • Musica dal vivo a Torino: se avete esaurito le batterie, vi consigliamo un bel concerto di musica dal vivo. Si spazia dal Jazz, al Blues, dal Rock all’Indie, insomma potrete rilassarvi gustandovi un bel bicchiere di San Simone (amaro tipico torinese), ascoltando buona musica prima di ritirarvi e salutare la città.

Sì, lo so cosa state pensando: troppo poco per visitare Torino in un giorno.

Pensavate di cavarvela e invece avete scoperto che un giorno in più, o anche due, sarebbero stati l’ideale. Ma se avete deciso di tornare da queste parti, ho già pronti i miei consigli su cosa vedere a Torino in un week-end o un week-end lungo.

No Comments

Post a Comment